Restauro di Sant’Agnese rifiuta i doni, 1650c.

Restauro di Sant’Agnese rifiuta i doni, 1650c.

Restauro dell’opera “Sant’Agnese rifiuta i doni”

12.01 14.04.2022

L’opera “Sant’Agnese rifiuta i doni” (1650 c.) è  stata oggetto di restauro da parte della Fondazione Alberto Peruzzo. Il dipinto, un tempo parte degli spazi della Chiesa di Sant’Agnese, sarà ricollocato temporaneamente all’interno del nuovo spazio culturale della fondazione una volta aperto al pubblico.

La tela è stata spostata dalla sua collocazione originaria, la chiesa di Sant’Agnese negli anni ’40 ed è tuttora di proprietà del Museo Diocesano e custodita all’interno del Centro Parrocchiale di San Nicolò a Padova.
La tela, la cui esecuzione inizialmente fu attribuita a Francesco Minorello, è parte di un ciclo pittorico realizzato tra la fine del ‘500 e il ‘600.
Le opere, all’epoca disposte lungo le pareti laterali della navata centrale, erano quattro e di grandi dimensioni raffiguranti diversi episodi di Sant’Agnese.
Solo due delle tele appartenenti al ciclo pittorico sono arrivate fino ai giorni nostri: Sant’Agnese rifiuta i doni e Sant’Agnese rifiuta di sposare il figlio del prefetto, oggi conservata al Museo Diocesano di Padova.

Grazie a studi e ricerche condotte sulla storia dell’edificio, ormai sconsacrato a partire dal 1949, è stato possibile ricostruire, seppur parzialmente, la storia iconografica delle opere originariamente collocate all’interno della chiesa.

 

Questo sito utilizza cookie tecnici. Leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi